fbpx

Ho eliminato la cellulite senza volere.

È qualche giorno che non scrivo.

Ammetto che il tempo passa ed ho un po’ di paura. Le responsabilità e le cose da risolvere sono tante e se ci penso, soprattutto la sera, mi tremano le gambe. Rimanere concentrate e non farsi sviare è una prova difficilissima.

Mancano 25 giorni al mio personale armageddon, come l’ho ribattezzando parlandone con i miei amici, comprese le new entry che mi passano ricette e mi danno la sveglia al mattino. Venticinque giorni sembrano così pochi se hai molte cose da affrontare, ma se mi fermo a pensare a quel che mi insegna il mio maestro, basta un’ichinen.

In buddese l’ichinen è l’istante, inteso come un battito di ciglia.

In effetti le cose cambiano continuamente, in ogni istante.

Ma stasera non volevo essere così pesante e filosofica, bensì mi andava di parlare di una cosa un po’ futile, ma per noi donnine assai importante: la cellulite.

Alcuni di Voi, soprattutto chi mi legge da un po’, penserà che io sia impazzita (più del solito), non lo escludo a dire il vero, ma questo articolo mi è stato espressamente chiesto da una mia amica.

Stamattina raccontandole la mia esperienza mi ha detto: ma tu devi scrivere di questa cosa, assolutamente!

Così eccomi qui a raccontarVi come ho eliminato la cellulite, senza volere.

Sembra che mi abbiamo picchiato…A parte lo sguaro nella gamba destra, gli altri non mi ricordo che ho combinato.La…

Pubblicato da La Ciclista Ignorante – Ciclomeccanica e Ciclismo Urbano su Mercoledì 19 giugno 2019

Qualche settimana fa ho chiesto consiglio online per coprire i lividi che avevo nelle gambe, erano troppi e mi vergognavo. Parlandone mi hanno consigliato in molte di fare qualcosa per la mia circolazione: il fatto che i lividi mi venissero così facilmente era segno di qualcosa che non funzionava come doveva.

Non avevo calcolato quanto più fisico fosse questo lavoro rispetto al precedente, e finché non ho avuto le gambe a dir poco vergognose, non me ne preoccupavo. La bucofficina è piccola, prendere colpi è la cosa più naturale del mondo.

In effetti le mie gambe erano belle gonfie e stanche.

In casa avevo delle pastiglie per la circolazione e, dietro consiglio della mia migliore amica, ho ricominciato a prenderle. Il problema delle pastiglie però è che me le dimentico, le posso assumere solo a stomaco pieno, altrimenti mi danno fastidio. Parlando sempre con lei (in pratica un dottore mancato) ho deciso per un gel gambe: l’unica cosa importante da considerare è che contenesse escina, una sostanza antinfiammatoria, vasoprotettrice e vasocostrittrice .

Per la prima settimana ho associato pastiglia a gel, il tutto la sera, in modo che il principio attivo facesse effetto con le gambe a riposo durante la notte. Finite le pastiglie ho proseguito con il gel.

Sempre dietro consiglio, questa volta del farmacista, il gel lo tengo in frigo in modo che mi dia sollievo quando lo metto, e durante questa operazione faccio un simil massaggio alle gambe, in modo da scuoterle un po’: non so fare i massaggi, non so se effettivamente aiutino la circolazione o meno, sicuramente mi rilassa.

Tenere il gel in frigo mi ha fatto riflettere sulla famosa frase l’acqua fredda fa bene.

Io odio la sensazione dell’acqua fredda addosso, ma la prima settimana stavo così male, con le gambe gonfie e doloranti, che ho deciso di tentare anche questa strada: ora non riesco più a farne a meno.

La sera, prima del momento massaggio con il gel, le caccio sotto la doccia fredda. Non ci sto tanto, qualche minuto, mi dà molto sollievo.
I primissimi giorni, subito dopo il passaggio sotto l’acqua, le gambe mi bruciavano.

Quando le asciugo non strofino, ma tampono: non mi ricordo per quale reminiscenza della mia vita ho deciso di fare così, ma ho la sensazione che in questo modo l’effetto dell’acqua fredda duri di più. Ovviamente non ho nessuna base scientifica per approvare questa cosa, è solo istinto.

Delle docce fredde non riesco più a farne a meno. Mentre può capitare di non mettere il gel, se salto il momento acqua le mie gambe protestano subito. Ieri sera ero stanca ed ho saltato, stamattina non ho potuto esimermi ed è stato in quel momento che ho avuto un flash: dov’era finita la mia cellulite? Possibile che grazie a docce fredde e gel defaticante se ne fosse andata?

In realtà no, non solo: cerco di pedalare minimo 10 km al giorno (l’obiettivo è sempre 20) e bevo molto di più. Tra il caldo e la voglia di dolce cedo spesso al té alla pesca, quello solubile.
Sono consapevole che è pieno di zucchero, ma l’acqua mi annoia e sono una golosa, e questo non è un post dietetico.

Sport, bere molto, curare la circolazione: sembrerebbe questa la ricetta magica per scacciare la cellulite.

E se ne sono andati anche quasi tutti i lividi.

Quello della cellulite è un argomento trattanto da non so quante persone. Spesso si chiedono consigli su come toglierla, senza fatica. Un po’ come c’è chi vuole dimagrire senza fatica o abbronzarsi ma senza stare ore sotto il sole.

In fondo è l’epoca del tutto e subito.

Non era un mio scopo, ma ovviamente ne sono felice. Mi preoccupo già di questo inverno, periodo in cui di solito mi dimentico di bere e gli effetti si vedono subito.

In realtà la cosa più bella di questa esperienza è che piano piano sto imparando a prendermi cura di me stessa e ad amarmi per come sono, con la mia pancia, il mio seno distrutto dalle diete, piedi numero 40, caviglie più grandi dei miei polsi e dei polpacci di cui non so descrivere la forma.

Ogni volta che mi guardo le gambe e controllo che le mie maniglie dell’amore non siano tornate, sento che un passo alla volta sto raggiungendo il mio obiettivo: dimagrire, ma prima di tutto amarmi per come sono, con tutti i miei difetti.


Nota: questo non è un post medico, ma solo la mia esperienza personale. Quando comprate anche un prodotto da banco, ricordatevi sempre di verificare le Vostre allergie, se ne avete, e non sottovalutate alcun sintomo.

Se ti è piaciuto condividilo...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
Email this to someone
email
Print this page
Print

2 commenti su “Ho eliminato la cellulite senza volere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questo form memorizza il tuo nome, la tua email e il contenuto da te scritto, tenendo così traccia dei commenti inseriti in questo blog. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy del sito: troverai tutte le informazioni su dove, come e perché vengono memorizzati questi dati

Accetto di rilasciare i miei dati per poter commentare questo post.

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto