fbpx

La bicicletta come stile di vita.

Se c’è una cosa che ho sempre cercato di fare è stato parlare di ciclismo in altro modo. Non i soliti articoli tecnici, non le solite recensioni.
Banalmente, per emergere dalla massa, ma anche per portare un altro punto di vista.
Quando ho iniziato a pedalare non ho trovato niente così, allora l’ho creato.

Potrò sembrare megalomane o esibizionista, ma sono contenta di quello che ho realizzato, di come l’ho curato e dei risultati raggiunti.

Sono anche felice di tutto quello che ho imparato lungo la strada, non solo in riferimento alla ciclomeccanica, ma anche riguardo al blogging, alla seo e alla sem: non a caso è nato un altro blog, e sto avviando parallelamente le mie strade.

Non so dove mi condurranno, non ho idea di cosa succederà, ma se c’è una cosa che voglio fare è non pormi limiti.

Ho voluto uscire dalla mia condizione tranquilla di dipendente, anche per questo: per avere il tempo di espandere i miei orizzonti e gestirmi come meglio credo (aspetto non proprio facilissimo).

Probabilmente a chi è approdato da queste parti, non è sempre sembrato che parlassi di ciclismo urbano, cicloviaggio e ciclomeccanica, come recita il motto del blog.

È vero, non ho sempre parlato di queste cose nello specifico, ho spesso parlato della bicicletta come stile di vita, o per usare un inglesismo lifestyle.

Non so dietro a quale flusso di pensieri, ma girando di link in link, di approfondimento in approfondimento, dopo quasi due anni ho capito che questo blog è assimilabile ad un lifestyle blog. Per carità, non mi importa molto delle etichette.
Mi piace e mi piacerà sempre essere una piccola nicchia, vuol dire lettori affezionati (ne ho avuto riprova), vuol dire essere letti e costruire, in alcuni casi, legami seppur virtuali duraturi e bellissimi. Però questa etichetta mi ha fatto riflettere.

Per me la bicicletta è uno stile vita.

Ognuno la vive come vuole, c’è chi pedala solo nel weekend, oppure fa solo gare e mai userebbe la bici in città quotidianamente.

Castelletto (14.02.2016)

Io sono una ciclista urbana, orgogliosa di esserlo diventata.

Inevitabile per me chiedermi come sarei venuta su se avessi iniziato prima, sono risalita in sella a quasi 35 anni. Vero è che avendo avuto sia scooter che macchina, ora mi rendo conto della bellezza di girare in città in bici.
Non sto sminuendo i problemi legati alla mobilità, o alla sicurezza. Però sono fortunata, vivo a Genova: pedalare sul lungomare per me è la quotidianità e se voglio qualche sfida posso sempre scegliere qualche salita, di certo non mancano. Spesso quando esco di casa ho almeno due alternative per lo stesso percorso. Solitamente scelgo il percorso più sicuro*, altre volte mi chiedo quanto abbia voglia di sfidarmi (bronchite permettendo).

Quindi non è possibile per me scrivere solo di ciclomeccanica o scrivere solo di viaggi o percorsi. Innanzitutto perché per mia filosofia di vita non scrivo di quello che non conosco, e poi perché sarei una tra le tante. Ci sono blogger molti più bravi di me nel descrivere percorsi turistici o come si smonta una catena.
Quello che continuerò a fare, con la cadenza migliore possibile, è raccontarVi la mia esperienza per incoraggiarvi a intraprendere un viaggio bellissimo che è quello di vivere le vostre città, o le vostre vacanze, in bicicletta. E se avrete bisogno non mancherò di darVi tutte le dritte meccaniche del caso.

 

Non amo tenermi le cose, non credo a chi è geloso del proprio sapere e credo di averlo dimostrato con entrambi i progetti che sto portando avanti.
Tra queste pagine leggerete ancora molte cose che apparentemente non hanno a che fare con la bicicletta, ma solo in superficie.

Se ci riflettete un attimo, sono risalita in sella circa quattro anni e mezzo fa, ho pedalato per circa 13000 km (buona parte urbani), ad aprile del 2016 ho fatto il mio primo corso di ciclomeccanica, in questi giorni sto definendo l’affitto di quella che diverrà la mia ciclofficina, ho cambiato lavoro, ho visitato posti bellissimi, ho imparato a conoscere la mia città grazie alla bici, ho imparato che sono molto meglio di come per anni ho pensato di essere.

Questa la sintesi della sintesi di come la bicicletta (e il ciclismo urbano) mi abbiamo cambiato la Vita.
La bicicletta è il mio stile di vita e tra queste pagine è di questo che scrivo, in tutte le sue sfaccettature.

*Auspico a città in cui non sia più necessario chiedersi una cosa del genere

Se ti è piaciuto condividilo...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
Email this to someone
email
Print this page
Print

2 commenti su “La bicicletta come stile di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questo form memorizza il tuo nome, la tua email e il contenuto da te scritto, tenendo così traccia dei commenti inseriti in questo blog. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy del sito: troverai tutte le informazioni su dove, come e perché vengono memorizzati questi dati

Accetto di rilasciare i miei dati per poter commentare questo post.

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto