Che ci piaccia o no, è anche (soprattutto) nell’errore che impariamo a conoscerci e a volerci bene.