Ben approdati:-)

Io sono Adriana, quasi 40, perseverante, determinata, pazza quanto basta.
Circa 4 anni fa sono risalita in sella dopo più di 20 anni che non pedalavo… è cambiato tutto.

Questo è il mio blog: racconto la mia esperienza a pedali, dai viaggi alla quotidianità, attraverso argomenti nuovi anche per me.

Pensate ad una bicicletta, all’universo che le ruota intorno: questo blog è un pezzo di quell’universo.

Buona permanenza, buone pedalate e buona vita:-)

Qui, quando Rufus ha deciso che non dovevo lavorare, ma fargli le coccole.

La pratica rende imperfetti.

Ultimamente si fa un gran parlare del gdpr, di questa normativa europea che ha mandato tutti nel pallone. Tranquilli, non è l’argomento del post, ho studiato ma non sarei in grado di fare consulenza a nessuno. Mi sono limitata ad approfondire la questione in riferimento questo blog, e non sono neanche sicura di aver capito…

Continua qui...
Scritta sulla parete dell'Upcycle Bike Cafè Milano.

Questo stage è stato un disastro, per fortuna.

Mi sbaglio sempre, non so mai se si scrive confort o comfort, tutte le volte devo gugolare. E gugolando escono fuori un sacco di articoli e di definizioni, molti dei quali spingono ad uscire fuori da questa bolla (dove ci sentiamo al sicuro), per crescere: lo scopo di uscire dalla propria zona di comfort è…

Continua qui...
Dettaglio mozzo

Stagista a (quasi) 40 anni: primo giorno.

Cotta totale. E per fortuna sono abituata a lavorare sempre in piedi, anche per tante ore di seguito. Sicuramente c’è da considerare il carico emotivo della giornata. Primo giorno di stage. Stamattina ero tesa, preoccupata di fare qualche figuraccia, di non sapere dove mettere mano. Come sono arrivata mi hanno messo al lavoro, senza troppi…

Continua qui...
In stazione a Seregno, pronta a rientrare a Milano, sul mio ormai migliore amico suburbano trenord s9.

Stagista a (quasi) 40 anni: preambolo.

Come promesso cominciano i racconti di questa settimana in cui divento stagista a (quasi) 40 anni per la prima volta, perchè, a dirla tutta, non ho mai fatto uno stage. In realtà comincio domani: oggi mi sono caricata andando al Centro Buddista a Corsico e a Seregno per capire dov’è la ciclofficina dove farò lo…

Continua qui...
Castelletto (14.02.2016)

In ricarica.

Ho passato il fine settimana nel box: sabato a pulirlo e ieri a sistemare Wilma, ne aveva di bisogno. L’ho rimessa un po’ a nuovo: cambio pulegge deragliatore posteriore, riparato gomma bucata, smontato e pulito guarnitura, revisionato freni e serie sterzo (rimasta in dubbio dall’ultima volta che l’avevo aperta). Per finire con una bella pulizia…

Continua qui...
Piccoli doni

Kappaò.

Le iniziali k.o. stanno per knock out, termine che in inglese indica la sconfitta di un pugile che viene messo fuori dalla gara prima del termine o, come si dice in gergo pugilistico, prima del limite. Alla lettera knock out significa “colpo fuori”, cioè “colpo (che mette) fuori (combattimento)”. (Fonte Corriere.it) Quanto è difficile prendersi…

Continua qui...
Controvento: copertina.

Tutte le emozioni del mondo in un libro.

ll modo in cui le persone mi hanno accompagnato durante il viaggio, aiutandomi in qualsiasi modo potessero, è ciò che mi ha fatto continuare ad andare avanti finora. Che si tratti di una piccola somma, di un letto o di un pasto lungo la strada, sono queste le cose che mi hanno permesso di arrivare…

Continua qui...
Portachiavi

Non mi posso permettere proprio un bel niente: ora basta!

È qualche giorno che penso se scrivere o meno questo post, in fondo essere nervosa e polemica non fa bene agli affari, giusto? In teoria però essere se stesse dovrebbe essere vista come una cosa positiva… in teoria. Non è un caso che da qualche giorno l’asma non mi molli, e sebbene io sappia che non…

Continua qui...
Attesa ai binari.

L’ultimo lunedì.

Sono arrivata in stazione prestissimo, ho preso l’autobus e, non sapendo calcolare bene i tempi, sono arrivata quasi con un’ora in anticipo. Ecco una delle tante cose che mi ha insegnato questo corso: usare i mezzi pubblici. Dall’età di 14 anni ho sempre girato in motorino, sviluppando una vera e propria avversione per gli autobus,…

Continua qui...
Antonello Loreto: primo piano.

Antonello Loreto: il coraggio di fare lo scrittore.

Antonello è un mio amico, conosciuto online (il lato buono del web), con cui ho organizzato due presentazioni in occasione dell’uscita dei suoi libri. Ha scritto due libri, La Favola di Syd e Un’Altra Scelta (entrambi acquistabili in versione cartacea o e-book), prossimamente in uscita con il terzo, che non vedo l’ora di avere tra le…

Continua qui...
Genova all'alba

Il ritmo naturale delle cose.

Se potessimo seguire i nostri ritmi biologici più naturalmente, sono convinta saremmo più produttivi e soddisfatti. Questo è un mio tweet di qualche mese fa e rispecchia in pieno quel che sto vivendo ora, a distanza di settimane da quando ho formulato questo pensiero. Faccio un passo indietro: riassunto delle puntate precendenti. Sono Adriana, più…

Continua qui...

Fuori programma.

Quanti pensieri possono transitare nella testa? Su quante cose si riesce a lavorare contemporaneamente? Su quante bisogna lavorare per cambiare la propria vita, per elevarla ad un altro livello, per migliorarla? Rientro da Monza con il treno delle 18.25 da Centrale, e non riesco a smettere di pensare. Einaudi nelle orecchie e rifletto su come…

Continua qui...